Ultime News

IL CUD CATTURA GLI AUTONOMI

L'Agenzia delle Entrate ha presentato ai rappresentanti delle imprese e ai professionisti la "certificazione unica", il nuovo modello che dal 2015 prenderà il posto del CUD.

La novità più rilevante è quella di inserire la certificazione delle ritenute dei lavoratori autonomi nel modello Cud. Per questi ultimi si dovrà distinguere tra somme non soggette a ritenuta, perché in regime convenzionale, e non. La scadenza per la presentazione alle Entrate è fissata al 7 marzo di ogni anno. Altri dati da fornire saranno le somme erogate dalle imprese per lavori socialmente utili e per l'incremento della produttività del lavoro.

Il nuovo onere di trasmissione non cancella il modello 770. Di conseguenza molte informazioni che attualmente i sostituti di imposta inoltrano tramite il modello 770 saranno replicate nel nuovo Cud. I doppioni di informazioni sono propedeutici all’avvio del modello 730 precompilato e il fatto che l’amministrazione finanziaria richiede nel cud anche i dati del lavoro autonomo fa sperare gli operatori che la semplificazione sul modello 770 tanto attesa sia vicina.

Un’altra modifica in ottica modello 730 precompilato è quella dei familiari a carico. I dati che attualmente sono inseriti nel modello 730 saranno inoltrati dai datori di lavoro prima nel Cud e inviati all’Agenzia delle entrate.

Una novità importante, stavolta a favore dei sostituti, è la previsione di non sanzionare chi, in caso si accorgesse di omissioni o errori, invierà la certificazione corretta entro 5 giorni successivi alla scadenza. La possibilità è estesa a tutti i soggetti che inviano dati: banche, assicurazioni e forme pensionistiche complementari.